mercoledì 30 settembre 2015

Ispirazioni // avere Parigi dentro di sè: le regolo d' oro per diventare una vera Parigina (?!)




No, non le ho inventate io queste regole, ma sono davvero deliziose, e da tenere a mente, anche solo per sorrederci su.

Per essere una parigina vera non è necessario vivere a Parigi ma far vivere Parigi e il suo stile dentro di sè; cosi' ci fa intendere Caroline de Mairgret in un articolo che ho trovato su Marie Claire, e che riassume il suo libro ' Come essere una parigina. Ovunque tu sia' in 20 punti, di sotto riportati:

1. Non aver paura di invecchiare. Non aver paura di nulla. Solo della paura. 
2. Trova il profumo che fa per te prima dei trent’anni. Indossalo per i successivi trenta. 
3. Quando parli... quando ridi...nessuno deve sapere di che colore sono le tue gengive. 
4. Scegli qualcosa che piace a tutti: l’opera, i gattini, le fragole... e inizia a detestarlo. 
5. Se il tuo guardaroba prevede un solo maglione, che sia di cachemire. 
6. Indossa sempre un reggiseno nero sotto la camicetta bianca. Come due note su uno spartito. 
7. Bisogna vivere con il sesso opposto. E non contro di lui. A parte quando fai l’amore. 
8. Sii infedele. Tradisci il tuo profumo. Ma solo quando fa freddo. 
9. Nutrirsi di cultura . come mangiare frutta e verdura fresche. 
10. Sii consapevole dei tuoi pregi e dei tuoi difetti. Coltivali in segreto. Ma non innamorartene. 
11. Nascondi la fatica. Tutto deve sembrare semplice e leggero
12. Non esagerare con il trucco, con i colori e con gli accessori. Fai un bel respiro. Alleggerisci. Riduci.
13. Mantieni sempre almeno un particolare trasandato nel tuo look: il diavolo si nasconde nei dettagli. 
14. Tu sei la tua eroina. Prima di tutto. 
15. Tagliati i capelli da sola. O chiedi a tua sorella di farlo... vero che conosci i parrucchieri delle star, ma per te sono solo degli amici. 
16. Sii sempre “trombabile”. La domenica mattina in panetteria, o nel cuore della notte per comprare le sigarette o quando aspetti i bambini all’uscita da scuola. Non si sa mai. 
17. Niente capelli bianchi. O tutti bianchi.
18. La moda domina il mondo. Le parigine dominano la moda. Sarà vero? Ma che importa, poi. Il mondo ha bisogno di miti.
19. Nell'armadio niente mezzo tacco. Perché vivere a metà?
20. Nell'armadio: no al logo. Non sei un cartellone pubblicitario.


Aforismi da tenere sempre a mente e decisamente leggeri e divertenti (anche veri, dobbiamo ammetterlo).




giovedì 24 settembre 2015

Musica // Levante, Alfonso e quell' anno 2013 che correva


la cantante Levante


La canzone 'Alfonso' della cantante Levante, non e' una delle hit piu' recenti, ma l' ho riscoperta durante il mio ultimo ritorno in terra natia, col caldo asfissiante, il mare blu, e il cielo terso, condito dai tanti abbracci di amici e dolci metà.

La canzone in questione mi piace per tante ragioni: perchè è fresca, perchè è vera, perchè è disperata pur cercando di darsi un contegno hipster.

Il video è fatto davvero con poco, qualche comparsa, una buona idea, un outfit sfizioso (il vestitino a pois è molto carino, ed il trucco leggero fa colpo).

'Alfonso' è il racconto di una vita vera, del raggiungimento di quel punto dell' esistenza in cui tutto sembra statico e privo di senso, e cosi' in mano ci ritroviamo alcolici (durante le feste) e niente piu'.

Avete presente quei periodi in cui tutto sembra sempre uguale e sembra in procinto di non cambiare mai?
Ecco, si parla proprio di quei giorni, in cui ci si dà delle spinte indossando le scarpette da sera.
Purtroppo, devo ammettere che le spinte che ci diamo, pur essendo comunque necessarie, sono alquanto inutili, in periodi del genere: sono giorni che ci tocca trascorrere, toccano a tutti, a turno.

Sono periodi che passano e che, un giorno, ricordando, ci faranno sorridere, per quanto eravamo disperati, alla fine senza poi un motivo valido.



 



mercoledì 23 settembre 2015

Abbigliamento // quando l'amore per gli infantili Beach Boys ti ricollega a Bottega Veneta



Ho letto un articolo su Marie Claire in cui si elencavano le canzoni piu' allegre della storia: e questo pezzo mi ha riportato alla mente Good Vibrations dei Beach Boys: un pezzo vibrante - in tutti i sensi - dalla freschezza marina e l' ingenuita' tipica dei giocosi anni sessanta.
Ricordo vagamente che ha fatto parte della colonna sonora di Vanilla Sky - remake commerciale del bel 'Apri gli occhi'.
E proprio gli anni sessanta tornano alla ribalta nella moda - dove sta la novita'? - con vestitini corti ma fanciulleschi, e fantasie spesso optical.

ALICE + OLIVIA

BOTTEGA VENETA

Diane Von Furstenberg

Dolce & Gabbana

EDUN

Emilio Pucci


lunedì 21 settembre 2015

Tendenze // geometrie che ci aggradano solo se non ci rendono piu' piene - m capite, vero?

Geometrie, linea, forme definite, effetti optical. 
Ci piacciono poi cosi' tanto?
Si, se nella loro versione piu' anni 70.
Un po' meno se ci ricorda i personaggi di Alice nel Paese delle Meraviglie.
Anche perche' ingrassano, e questa e' una brutta notizia.







venerdì 18 settembre 2015

Piove sul bagnato: quando lo stile non manca, anzi, abbonda

Cosa ci fanno insieme Susan Sarandon, Michelle Pffeifer e Cher?
E no, non vi sto per raccontare una barzelletta.
La settimana prossima vi dico cosa hanno in comune queste ste dive, per il momento accumunate solo da un grande fascino.

 
 


 
 

 








Cinema // Il Club delle Prime Mogli & la vendetta (ops, volevo dire giustizia)



Avevo visto il Club delle prime Mogli molti anni fa, quando ero bambina e lo trasmettevano il pomeriggio ( credo su uno dei canali Mediaset, quando fa troppo caldo anche per i dipendenti della rete).
E mentre da ragazzina non capivo in pieno alcuni punti del film ( in realtà molto leggero), adesso li ho notati e vi aggiungono un valore aggiunto al  film che, a prima vista, non avrebbe.

In breve: una donna bella e ricca (Stockard Channing), lasciata dal marito per una bambolina uscita da poco dall' adolescente, rimasta sola e con una vita spezzata dalla delusione d' amore, si suicida. 

Le amiche del liceo (le tre rimanenti), si incontrano nuovamente al funerale e, durante un pranzo seguito alla cerimonia, chiacchierano sulle proprie vite, evidenziando come tutte, per ragioni futili, siano state lasciate dai rispettivi mariti a cui avevano dedicato vita e carriera.

Decidono pertanto di unirsi e di stringere un patto: aiutarsi vicendevolmente per incastrare i tre ex mariti e riprendere in mano la propria vita.

Una dimagrirà, l'altra dirà stop all' alcol, l' altra ancora manifesterà la rabbia repressa, motivo per cui era in cura da una psicanalista spillasoldi.

La vicenda è frizzante e divertente e davvero importanti sono tre punti dalla sottoscritta notati (non è una ramazina ma uno spunto di riflessioni per tutte le donne, e, forse, anche per gli uomini):

1. mai sacrificare le amiche per il marito/ fidanzato/ compagno: la solidarietà tra donna è rara e preziosa ed è un salvavita quando tutto sembra andare a rotoli. Tutte, almeno una volta nella vita, facendoci quattro risate con le nostre amiche con un cocktail in mano, abbiamo risollevato il morale e, talvolta, guardato i nostri problemi da un punto di vista più risolutivo. Quindi, teniamoci strette le amiche, le sorelle che, in fondo, abbiamo scelto.

2. mai sacrificare tutte sè stesse, interamente: quando i nostri compagni ci hanno incontrate eravamo - spesso - da sole, complete in noi stesse, selvagge, indipendenti: eppure a loro siamo piaciute. Questo perché ci avevano trovate nella nostra interezza, con tutti i nostri pregi, guai, passioni, problemi.
questo non significa che l'altra persona debba essere esclusa dalla nostra vita, che i problemi debbano rimanere dove sono. Significa che le nostre passioni - positive e negative - sono state cioò che ha attratto le nostre metà. Significa che, anche se siamo composte da due parti, non siamo a metà, ma siamo sempre noi nella nostra interezza, fierezza e indipendenza. Pertanto, non sacrificare una parte di sè: rischiamo di tagliare la parte che più ha attratto chi ci sta vicino.

3. Farsi rispettare e rispettare il passato e le azioni che l' hanno costruito, non significa essere vendicative o cattive: significa dare il giusto valore al tempo trascorso. Ciò significa che bisogna stare attende a non farsi mancare di rispetto: non lo merita nessuno, nemmeno il nostro peggior nemico.

4. Gli anni novanta, se non si considera la sfumatura più grunge, erano fantastici per la moda: le tre protagoniste hanno stili completamente diversi, ma ci piacciono tutte e tre: una per la tenerezza che fa nelle sue camice e pantaloni così bon ton; l'altra per i tailleur che finalmente riesce nuovamente ad indossare - con spalle larghe e longuette; la terza, la diva, veste di nero, pelle e sempre aderente....una vera vipera, Il marito confermerà.

In sostanza, vi consiglio di spendere un pò di tempo libero a guardare questo film, magari quando siete in compagnia delle vostre amiche, per poter inneggiare alla vendette, ops, giustizia, in libertà.

 







 






giovedì 17 settembre 2015

Cinema // Ieri, Oggi, Domani e le ultime novità nell' intimo donna - per non far ammuffire i cassetti di noia




Marcello Mastroianni e Sophia Loren sono un' accoppiata vincente. 
La loro naturalezza nel recitare, unita ad una sincronia da fare invida alle coppie reali, li rendi veri, veraci e versatili.
L'uno si adatta all' altro come un guanto con la mano: e questo risulta visibile nel film Ieri, Oggi, Domani.

Composto da tre episodi, diversi per ambientazioni, personaggi, vicende ed epoche, vede i due attori cimentarsi in ruoli differenti. E la loro grazia e' evidente. 

Immedesimarsi non e' stato difficile se non nell' ultimo episodio, quello piu' famoso in cui Sophia Loren si cimenta in un elegante streptease che interrompe all' ultimo momento per un motivo tutto da scoprire - guardate il film, se non l'avete gia' fatto, e non rimarrete delusi.

Bellissimo il vestito della Loren nel secondo episodio e accattivante la biancheria del terzo.






E a proposito di biancheria, non lasciamo che i nostri cassetti dell' intimo si popolino di mutandoni bianchi ( se non in tempi di 'pace', giusto per rilassarsi un po').

Agent Provocateur

Agent Provocateur

Agent Provocateur

I.D.Serreri

Heidi Klum Intimates

Lonely

Eres

Hanky Panky

I.D.Serreri

La Perla

La Perla

I.D.Serreri

Kiki de Montparnasse

L' Agent Provocateur

L' Agent Provocateur

L' Agent Provocateur

Simone Pérèle





Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...